Biodinamico

Naturale

agricoltura biologica e biodinamica

Fin dalla nostra nascita abbiamo abbracciato la filosofia di coltivazione biologica-biodinamica. I nostri vigneti, la nostra cantina, i nostri vini sono certificati ICEA. Il nostro sistema di agricoltura olistico e rigenerativo si concentra sulla salute del suolo, sull’integrazione dell’agricoltura con la locale flora e fauna e sulla biodiversità.
La nostra azienda è situata in area SIC: Sito di Importanza Comunitaria. Nella zona protetta del parco del Monte Subasio. I nostri vigneti si trovano tra i 700 e i 900m di altitudine nel’Appennino umbro tra le montagne d’Assisi. Per questo la nostra viticoltura nasce dall’incontro con il luogo. I nostri terreni sono caratterizzati dalla presenza di argille e limo calcarei, con pH piuttosto elevato e con buona dotazione di sostanza organica. La tessitura del terreno è di media, 40% limo 40% argilla e 20% sabbia. Questa ottima base viva e sana é l’interprete che ci aiuta dando energia e vigore alle viti. La complessa unione di svariati caratteri pedo climatici, altitudine, luce, suolo, presenza di biodiversità naturale, celebra la nostra vocazione; vivere nel rispetto della natura. Meno un sistema agricolo è modificato, più questa vocazione riesce ad esprimersi. Per questo siamo convinti sostenitori del sistema di coltivazione biologico – biodinamico che è quanto di meglio, oggi può esser fatto per rispettare il delicato equilibrio della terra in cui vivono e si integrano i nostri vigneti.
Rifiutiamo l’utilizzo di erbicidi, pesticidi e fertilizzanti chimici e provvediamo alle necessità dei vigneti lavorando il suolo, facendo crescere il sovescio fra i filari e somministrando i preparati biodinamici 500P e 501 insieme ad un misto di tisane fitoterapiche, cercando così di aumentare la biodiversità di flora e fauna nel vigneto e di fortificare le difese naturali della vite.

Attenzione: l'uso del negozio online è rivolto esclusivamente ai maggiorenni. Divieto di vendita di bevande alcoliche ai minori di anni 18, previsto dall’art. 7 del DL 158/2012. Ignora